Ultime News dal sito EF edizioni

venerdì 22 febbraio 2008

Calavera e il fenomeno Teodorani

Vi segnalo la recensione di Calavera pubblicata su Sickgirl.it
Per leggerla interamente, cliccate su: http://www.sickgirl.it/utente.php?nome=vanhelsing&ord=blog&n=2008-1-16

Di seguito, riporto i passaggi salienti:

Ha i capelli di Rogue e gli artigli di Wolverine, ma lei è Francisca Calavera, una cacciatrice di mostri solita uccidere le sue prede dopo averle sedotte con le sue doti amatorie.

Se nell'ambito del fumetto erotico vengono ricordati soprattutto i disegnatori (si pensi a Manara, Crepax, Serpieri o Baldazzini) esiste però uno sceneggiatore che ha saputo imporsi al pubblico italiano ed estero lavorando in questo genere. Si tratta di Enrico Teodorani.
Teodorani si dimostra bravissimo a narrare storie brevissime, anche di una pagina sola, cosa che non è certo facilissima per un autore, anzi... è forse più semplice scrivere una sceneggiatura di articolatissime cento tavole, che non una semplice di due o tre, dove per soddisfare il lettore devi avere per forza una trovata geniale.

mercoledì 20 febbraio 2008

Recensione di Horror!

Recensione su Kult Virtual Press di Horror! # 1, firmata Alessandro Dezi.
Per leggerla interamente, cliccate su: http://www.kultvirtualpress.com/articoli.asp?data=530

Di seguito, riporto alcuni passaggi:

Horror! è una nuova rivista antologica dedicata al fumetto “de paura”, ispirata idealmente alle macabre atmosfere dei seminali comic books anni 50/60.
Creature abominevoli, vampiri assetati di sangue, divinità malefiche, zombi putrescenti, serial killer sanguinari e incubi pseudo-lovecraftiani a profusione in una raccolta di storie crudeli, nerissime, ai limiti del raccapricciante. Suggestivi i nomi coinvolti: Enrico Teodorani ai testi, Luigi Siniscalchi, Andrea Cavaletto – che illustra l’episodio più raggelante dell’intero albo –, Franco Mora, Andrea Bulgarelli, Tim & Joe Vigil, Michel Calandra. Con una menzione speciale a Tim Tyler, allucinato outsider d’assoluto talento.

Recensione di Djustine: gli inizi

Recensione su Kult Virtual Press di Djustine: gli inizi, firmata Alessandro Dezi.
Per leggerla interamente, cliccate su: http://www.kultvirtualpress.com/articoli.asp?data=451

Di seguito, riporto alcuni passaggi:

“Djustine – Gli inizi” è la raccolta definitiva di quelle prime, introvabili storie – con un inedito aggiunto per l’occasione – realizzate dal bravo Antonio Conversano e ritenute all’unanimità dagli aficionados il miglior ciclo narrativo mai prodotto, in cui la bella pistolera deve vedersela con spietati bounty killer, fanatici religiosi, crudeli bad girls ma anche con mostri classici dell’immaginario orrorifico, come zombi e licantropi. Sergio Bonelli – editore di Tex e Dylan Dog – dichiarò in tempi non sospetti: «Leggo Djustine con piacere ma anche con l’attenzione e il rispetto che merita il personaggio, che considero uno dei più importanti del fumetto alternativo italiano».

Recensione di Temptation

Recensione su Kult Virtual Press di Temptation, firmata Alessandro Dezi.
Per leggerla interamente, cliccate su: http://www.kultvirtualpress.com/articoli.asp?data=401

Di seguito, riporto alcuni passaggi:

Passioni torbide, donne bellissime, trans superdotati, lolite ninfomani, feticismo e perversioni di ogni sorta: “Temptation” è un’antologia di storielle porno create da Hiroyuki Utatane, illustre mangaka per adulti considerato il guru degli hentai “ambigui”.
Consigliato a chi non teme di rapportarsi con l’aspetto più “oscuro” e godereccio del Sol Levante.

martedì 19 febbraio 2008

Recensione di Calavera

Recensione su Lamette, firmata Simone Lucciola.
Per leggerla interamente, cliccate su: http://www.lamette.it/modules.php?name=Live_News&func=LiveNewsView&nid=1514

Di seguito, riassumo alcuni passaggi:

Grazie agli ottimi disegni di Joe Vigil, ci pervengono nero su bianco le avventure di Calavera, o Francisca Calavera, una donna-mercenario nata da un terribile esperimento di frankensteiniana memoria. Calavera, dotata suo malgrado di artigli d’acciaio a metà tra le mani di forbice messe in scena da Tim Burton e gli strani superpoteri dei cattivi Marvel, passa le sue notti a caccia ai mostri da massacrare, siano essi di natura umana (come il serial killer omosessuale Macho Machete) o subumana (licantropi, vampire fellanti e chi più ne ha più ne metta). Visti i tempi che corrono (rigorosamente all’indietro), il buon Teodorani conquista la mia stima imperitura: non solo per la determinazione, ma anche e soprattutto per avere l’ardire di riproporre un genere che a suo tempo ho macinato come il pane e che in seguito ho visto progressivamente sparire dai palinsesti per lasciare il posto al più becero (e tranquillizzante) fumetto seriale, il cui finto “politically scorrect”, nella maggior parte dei casi, mi è odioso quanto il sale nel caffè…

sabato 9 febbraio 2008

Pin-up su RACER (# 4)


...e ancora su RACER nel 2007,

Pin-up di Danilo Loizedda e presentazione di alcuni fumetti

Pin-up su RACER (# 3)


Ancora su RACER nel 2007,

Pin-up (Wheela) di Roberto Elia e presentazione di alcuni fumetti

Pin-up su RACER (# 2)



Sempre su RACER nel 2007,

Pin-up di Mike Hoffman (Copertina di Wheela) e presentazione di alcuni fumetti

Pin-up su RACER (# 1)




Ho ritrovato il primo articolo apparso su RACER con Pin-up di Silvano... (del 2007 ma non ricordo di quando)

giovedì 7 febbraio 2008

DJUSTINE su MAXIM


Articolo di Giovanni Vigna sul numero di Febbraio 2008 della rivista MAXIM...